Google Data Studio: un nuovo strumento di reportistica e visualizzazione dati. Ecco alcune linee guida per principianti

Avere un sito internet oggi è importante, quasi tutte le aziende ne hanno uno. Quello che è diventato sempre più di fondamentale importanza è però riuscire a posizionare il proprio sito web sui motori di ricerca. In questo caso l’analisi SEO è uno dei passaggi fondamentali: se usata in modo ottimale infatti, permette di aumentare le visite degli utenti e di veicolare il traffico verso le parole chiave più cercate e, quindi, più  performanti.

Google mette a disposizione diversi strumenti per monitorare e analizzare i dati, come il traffico di provenienza, la permanenza su un sito web, la frequenza di rimbalzo e così via. Google Analytics è senz’altro uno di quegli strumenti di cui non si può proprio fare a meno. Riuscire a rielaborare i dati che questo strumento mette a disposizione non è sempre però un’impresa semplice. Per questo motivo Google ha creato Google Data Studio, rendendo così più semplice la creazione di report dinamici e con forte impatto visivo utilizzando gli stessi dati forniti da Google Analytics. I report costruiti con questo strumento sono inoltre facilmente condivisibili e modificabili da un numero illimitato di utenti.

 

Per la tua privacy YouTube necessita di una tua approvazione prima di essere caricato. Per maggiori informazioni consulta la nostra Privacy Policy.
Ho letto la Privacy Policy ed accetto

Google Data Studio: come usarlo

Fino a poco tempo fa ci si è sempre affidati alle dashboard di Google Analytics e a report creati ad hoc per presentare le informazioni e i dati relativi a un sito web. Google Data Studio ci viene in aiuto e permette in maniera semplice di collegarsi a diversi dati e di visualizzarli grazie a dashboard dinamiche, di condividere e collaborare con gli altri, proprio come Google Drive. Google Data si può integrare con numerose piattaforme come Youtube, Fogli di Google e AdWords (vedi anche come impostare la prima campagna di Google AdWords).

Una caratteristica interessante è che i report possono essere completamente personalizzabili. E’ infatti possibile cambiare font, colori e persino inserire immagini e loghi.

 Google Data Studio | smartbee web marketing & SEO

Come creare il primo report con Google Data Studio

Il primo passo da compiere per iniziare a usare questo strumento è quello di connettersi alla pagina Google Data Studio. Dopo avere effettuato l’accesso sarà possibile iniziare a lavorare a un nuovo report cliccando su “Start a new Report” oppure selezionando uno dei template messi a disposizione dallo strumento. Una volta impostato il template sarà sufficiente premere su “Usa template” e selezionare l’origine di provenienza dei dati che vogliamo importare.

 

google data studio

Se ci sono più persone che lavorano alla realizzazione del report sarà sufficiente cliccare su File e poi su Condividi per dare gli accessi anche agli altri collaboratori. Google Data Studio salva automaticamente ogni modifica apportata.

In conclusione, con questa versione beta di Google Data Studio è stato fatto un grosso passo in avanti nella semplificazione e presentazione dei dati analitici. Il nostro augurio è che la piattaforma possa evolversi costantemente e offrire un servizio sempre migliore e più evoluto.

Se hai bisogno di maggiori informazioni o desideri capire meglio come la tua attività possa utilizzare al meglio questo strumento ti invitiamo a contattarci o passare a trovarci per un caffè presso la sede di smartbee | web marketing & SEO

Published On: 12 Aprile 2017 / Categories: Guide, SEO, Web Marketing /